CRIMINALITA': LATITANTE BARESE ARRESTATO IN GERMANIA, PROVENIVA DA BELGRADO
CRIMINALITA': LATITANTE BARESE ARRESTATO IN GERMANIA, PROVENIVA DA BELGRADO
RICERCATO PER OMICIDIO BOSS STRAMAGLIA, AVEVA CON SE' GROSSA SOMMA DENARO

Bari, 25 ago. - (Adnkronos) - E' stato arrestato in un’area di servizio nei pressi di Irschenberg (Germania), sull’autostrada bavarese Salisburgo-Monaco, Mario Giovanni Antonio Pancotto, 48 anni, di Bari, latitante, destinatario di un provvedimento di cattura internazionale emesso dall’Ufficio gip del Tribunale di Bari il 3 giugno scorso, su richiesta del pm della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, Elisabetta Pugliese, poiche' e' ritenuto responsabile dell’omicidio del boss 49enne Angelo Michele Stramaglia, avvenuto lo scorso 24 aprile a Valenzano. L'uomo era alla guida di una Bmw ed e' stato trovato in possesso di una considerevole somma di denaro. Il ricercato era in fuga da Belgrado, dove sabato scorso era riuscito a sfuggire a un blitz dopo essere stato localizzato dai carabinieri di Bari, accreditati del servizio Interpol presso la Polizia serba.

Pancotto e' stato costretto percio' ad allontanarsi velocemente dalla capitale serba, attraverso le nazioni confinanti. Michelangelo Stramaglia, detto Chelangelo,era considerato il capo indiscusso dell’omonimo clan camorristico operante a Valenzano e nelle cittadine limitrofe del sud-est barese, attivo nel traffico di sostanze stupefacenti e nell’usura, e referente di vertice dello storico clan Parisi radicato a Bari, in particolare al quartiere Japigia, e in provincia. (segue)

(Pas /Col/Adnkronos)