MILANO: MAROCCHINO SALVA UOMO DA SUICIDIO, ORA CAMBI LA LEGGE
MILANO: MAROCCHINO SALVA UOMO DA SUICIDIO, ORA CAMBI LA LEGGE

Milano, 25 ago. - (Adnkronos) - "Ora cambi la legge sull'immigrazione". E' questo l'appello di Mohammed Haida, il 22enne marocchino che, la settimana scorsa a Milano, diventato per tutti un 'eroe clandestino' salvando la vita a un aspirante suicida. Oggi il giovane immigrato ha ottenuto il rinnovo del permesso di soggiorno e non pi costretto a nascondersi. Se tra gli immigrati "ci sono anche i criminali, c'e' anche chi invece porta del bene", dice il ragazzo durante una conferenza stampa organizzata per festeggiare la 'vittoria'.

"Sono molto contento, ringrazio tutti e in particolare Umberto Protti (il figlio dell'uomo che ha strappato dalla morte e che lo ha ringraziato pubblicamente in una lettera) e la sua famiglia". Sulle recenti innovazioni legislative in materia di immigrazione dice: "Vorrei che la legge cambiasse. Venire in Italia -sottolinea Mohammed- un rischio enorme e se si sopravvive la legge rende difficile la vita".

Intanto, il 55enne aspirante suicida, fa sapere il figlio, sta meglio: "si sta riprendendo: fa ancora fatica a parlare, ma i medici hanno detto che probabilmente gia' questo fine settimana potra' tornare a casa. Quando si riprendera', trovera' il tempo di ricordare quanto accaduto e ringraziare Mohammed personalmente". Un ragazzo, ha proseguito, "che ci ha mostrato cosa un immigrato puo' fare per tutti noi". Un concetto condiviso da Roberto Falessi, legale dell'extracomunitario. "Le espulsioni indiscriminate non producono sicurezza, anzi possono portarci via il vicino di casa pi gentile e altruista".

(Afe/Ct/Adnkronos)