VITERBO: ACCORDO CON TERNI E PERUGIA SU CACCIATORI NON RESIDENTI (2)
VITERBO: ACCORDO CON TERNI E PERUGIA SU CACCIATORI NON RESIDENTI (2)

(Adnkronos/Labitalia) - Sempre secondo l'intesa, i cacciatori provenienti dalle due province umbre che richiedono l'iscrizione agli Atc viterbesi come residenza venatoria potranno esercitare la caccia a tutte le specie consentite, a partire dal primo giorno della stagione venatoria e nei giorni previsti dal calendario venatorio umbro dal 20 settembre fino al 18 ottobre (20, 23, 26, 27 e 30 settembre; 3,4,7,10,11,14,17,18 ottobre). La provincia di Viterbo mette inoltre a disposizione dei cacciatori ternani e perugini (previa prenotazione dei posti giornalieri utilizzabili per la caccia in mobilit alle sole specie di fauna migratoria da appostamento temporaneo, con l'ausilio del cane in funzione di riporto) 345 posti giornalieri a partire dal 1 ottobre 2009 per un massimo di 20 giornate per uno, secondo le disposizioni previste dal calendario venatorio laziale.

''Un accordo di durata annuale -ha sottolineato l'assessore Trape'- frutto anche del contributo degli Atc i cui direttivi hanno avuto modo di visionarlo prima della firma, dando il loro parere. Nei direttivi -ha continuato- siedono le associazioni venatorie, primi interlocutori dei cacciatori, il cui apporto propositivo e' sempre fondamentale per arrivare a migliorare la gestione dell'attivita'. Per questo, il coinvolgimento diretto dei cacciatori e delle associazioni che li rappresentano e' il metodo migliore per arrivare ad accordi importanti''. Le prenotazioni dei cacciatori avverranno con il sistema delle teleprenotazioni gestite dalla provincia di Terni. ''Dal prossimo anno pero'-conclude Trape'- il sistema informatico di teleprenotazione sara' gestito dai due Atc viterbesi in modo da permettere informazioni in tempo reale dei flussi dei cacciatori interessati e quindi controlli piu' efficaci''.

(Lab/Gs/Adnkronos)