VITERBO: ACCORDO CON TERNI E PERUGIA SU CACCIATORI NON RESIDENTI
VITERBO: ACCORDO CON TERNI E PERUGIA SU CACCIATORI NON RESIDENTI

Viterbo, 25 ago. (Adnkronos/Labitalia) - Sono stati fissati questa mattina con un accordo, i flussi sui cacciatori non residenti tra le province di Viterbo, Terni e Perugia. ''L'accordo siglato questa mattina -ha spiegato l'assessore alla Caccia della provincia di Viterbo, Mario Trape'- e' molto importante e migliorativo rispetto al passato per i nostri cacciatori. Inoltre, con il presidente della provincia di Perugia che ha la delega alla Caccia, Marco Vinicio Guasticchi, e all'assessore competente della provincia di Terni, Filippo Beco, abbiamo deciso -ha aggiunto- che l'intesa raggiunta sara' solo il punto di partenza per una collaborazione piu' stretta in futuro''.

In base all'accordo, le province di Terni e Perugia, congiuntamente agli Atc (Ambiti Territoriali di Caccia) 1, 2 e 3, si impegnano ad ammettere prioritariamente tutti i cacciatori viterbesi che hanno richiesto l'iscrizione agli Atc umbri a partire dal primo giorno della stagione venatoria nel limite dei contingenti regionali, con le quote di Atc1 600 posti, Atc2 1.150 posti, Atc 3 1.200 posti. Inoltre, Terni e Perugia si impegnano ad autorizzare tutte le squadre viterbesi di caccia al cinghiale all'esercizio secondo il rispettivo regolamento nel proprio territorio, a partire dal primo giorno utile per la caccia a questa specie, garantendo pari diritti alle squadre umbre. (segue)

(Lab/Gs/Adnkronos)