ROMA: PIETRO TARICONE 'INFILTRATO' A CASAPOUND, 'ERO CURIOSO'
ROMA: PIETRO TARICONE 'INFILTRATO' A CASAPOUND, 'ERO CURIOSO'

Roma, 13 dic. (Adnkronos) - "CasaPound mi piace moltissimo, mi piace il mutuo sociale, mi affascina l’idea del ‘fare‘ a prescindere dalle ideologie. Credo che in questo sia il futuro della politica". A parlare Pietro Taricone, che ieri sera si presentato nello stabile occupato di via Napoleone III per la conferenza ‘Nicola Bombacci e la sinistra fascista’, un incontro con Francesco Mancinelli, di 'laboratorio Perimetro' e il rettore della Libera Universita' 'San Pio V' di Roma, lo storico Giuseppe Parlato, tra i maggiori esperti dell'argomento.

Vederlo nella gremita sala conferenze di CasaPound stata una sorpresa anche per gli organizzatori, che proprio contro quel 'Grande Fratello' che nel 2000 aveva dato la notoriet a Taricone avevano messo a segno una clamorosa azione nel 2008, assaltando, al grido di ‘La casa non un gioco’, la ‘bolla’, la tensostruttura costruita a Ponte Milvio per ospitare gli aspiranti concorrenti, per rivendicare il diritto alla proprieta’ della casa e chiedere l’introduzione del ’mutuo sociale’.

"Ero curioso - ha spiegato Taricone all’ADNKRONOS - Seguo CasaPound da tempo e mi piace il suo approccio fattuale alle cose. Credo che l’impegno su azioni concrete che parta dai giovani sia il futuro in una societ in cui i partiti sembrano sempre piu’ scatole vuote, scollegate dalla societ". A Taricone piaciuta l’iniziativa del tavolo sull’omofobia che Cpi ha promosso con Paola Concia e alcune componenti del movimento glbt, cos come l’impegno nei confronti della popolazione abruzzese colpita dal terremoto. E a chi gli chiede ‘’ci verresti a CasaPound a fare un incontro sul ‘Grande Fratello’? risponde ridendo: ‘’S, ci verrei. Sarebbe catartico’’.

(Zla/Ct/Adnkronos)