Fecondazione: da giudice ok a coppia fertile con diagnosi preimpianto (2)
Fecondazione: da giudice ok a coppia fertile con diagnosi preimpianto (2)

(Adnkronos/Adnkronos Salute) - Per il giudice Antonio Scarpa, "il diritto a procreare, e lo stesso diritto alla salute dei soggetti coinvolti, verrebbero irrimediabilmente lesi - si legge nelle motivazioni della sentenza - da una interpretazione delle norme in esame che impedissero il ricorso alle tecniche di Pma (procreazione medicalmente assistita) da parte di coppie, pur non infertili o sterili, che per rischiano concretamente di procreare figli con gravi malattie, a causa di patologie geneticamente trasmissibili. Solo la Pma attraverso la diagnosi preimpianto, e quindi l’impianto solo degli embrioni sani, mediante una lettura 'costituzionalmente' orientata dell’artico 13 della legge citata, consentono di scongiurare tale simile rischio".

"I miei assistiti - spiega Filomena Gallo - hanno chiesto l’accesso alle tecniche di fecondazione assistita perch l’unica speranza per avere un figlio che viva, poich la malattia di cui sono portatori la forma pi grave, fa nascere bambini morti o che non sopravvivono oltre l’anno di vita. Il tribunale di Salerno con l’ordinanza del giudice Scarpa, ha emesso una decisione chiara e rispettosa dei diritti dei soggetti coinvolti. Sono stati oggi riconosciuti e affermati diritti inviolabili, trascurati dalla legge 40 e invece tutelati costituzionalmente, quali la tutela del diritto alla salute della donna; la tutela del diritto all’informazione nel trattamento sanitario; la tutela del diritto alla procreazione cosciente e responsabile".

(Ram/Pn/Adnkronos)