Haiti: Fondazione Rava, gravissimi danni a nostre strutture e verifiche su volontari
Haiti: Fondazione Rava, gravissimi danni a nostre strutture e verifiche su volontari
il presidente, li' abbiamo una cinquantina di persone tra cui 2 italiani uno sta bene dell'altro ancora nessuna notizia

Milano, 13 gen. - (Adnkronos) - "E' una catastrofe di dimensioni immani. Le nostre strutture, anche quelle pi resistenti e a prova sismica, hanno subito gravissimi danni". E' quanto ha affermato all'ADNKRONOS Mariavittoria Rava, presidente della Fondazione Francesca Rava - Nph Italia Onlus, impegnata negli aiuti all'infanzia nei paesi pi poveri e che ha ad Haiti alcune strutture, tra le quali un orfanotrofio e un ospedale.

Rava riuscita, dopo il terremoto, a parlare con il responsabile di Nph Haiti, padre Richard Frechette: "Era disperato, mi ha raccontato che le auto in strada saltavano, che ci sono persone abbandonate in strada. Una situazione apocalittica. Ora le comunicazioni sono interrotte, riusciamo ad avere qualche notizia solo tramite Skype e Facebook".

"Sono sconvolta - ha spiegato il presidente della Fondazione Francesca Rava - Noi l abbiamo una cinquantina di volontari, stiamo cercando di capire come stanno. Tra loro ci sono due italiani, uno di loro dormiva nell'orfanotrofio, che si trova lontano dall'epicentro del sisma, e sappiano che sta bene ma dell'altro ancora non abbiamo notizie e siamo molto preoccupati". "Uno dei nostri due ospedali a Petionville, proprio nella zona pi colpita - ha concluso - sappiamo che un ospedale crollato ma ancora non riusciamo a capire se si tratta del nostro, dove sono ricoverate un centinaio di persone".

(Sci/Col/Adnkronos)