** Notiziario Servizi pubblici ** (6)
** Notiziario Servizi pubblici ** (6)

(Adnkronos/Ign) –

AMBIENTE: FIRENZE, TORNA IL 'BARCAMP', ALLE MURATE PER PARLARE DI SPAZI URBANI

A Firenze torna il Barcamp di Palazzo Vecchio. Dopo l'evento del luglio scorso nel Salone dei Cinquecento, la 'non-conferenza', sorta di brainstorming tecnologico che permette a tutti di esporre il proprio punto di vista in modo informale, veloce, paritario e trasparente, si spostera' all'ex carcere delle Murate per discutere dei nuovi spazi urbani. L'appuntamento e' per il prossimo sabato, 16 gennaio, dalle 14 alle 18, in contemporanea alla festa-anteprima di quel che diventeranno le Murate nei prossimi mesi, ovvero il nuovo fulcro della contemporaneita' nelle varie discipline.

''Adesso, con il Barcamp alle Murate - spiega l'assessore alla Cultura Giuliano da Empoli - l'argomento sara' piu' delimitato: i nuovi spazi urbani, ovvero un possibile utilizzo dei tanti luoghi che gia' ci sono in citta' e che vengono o non usati, o usati poco. Firenze, seppur delimitata, non e' una citta' finita e questo Barcamp vuole essere l'occasione di tener vivo un dibattito sull'utilizzo degli spazi urbani: dal ruolo delle piazze nell'ospitare opere di arte pubblica alla riscoperta di spazi come le Murate stesse o a una nuova fruizione dei musei civici. Il Barcamp mira a raccogliere idee, proposte ed opinioni per una citta' sempre piu' ricca di spazi creativi''.

E il luogo scelto, le Murate, non e' casuale, in quanto l'ex carcere diventera' il nuovo epicentro della contemporaneita' fiorentino e snodo culturale di livello internazionale. Il fulcro del progetto di riqualificazione del complesso, ora gia' in parte recuperato come edilizia residenziale pubblica, si completera' infatti nei prossimi mesi con un caffe' letterario e botteghe creative, e con un 'rifugio' ai cosiddetti 'Smart dissidents', attivisti politici e bloggers della generazione 2.0 che utilizzano internet per far sentire la loro voce. Alle Murate ci sara' poi il 'Suc', acronimo per Spazi urbani contemporanei: non un mero luogo espositivo, ma un laboratorio permanente delle idee che faccia di Firenze il fulcro delle arti visive, della musica, del teatro, delle performances, passando per il cinema, la moda, la botanica e la cucina. (segue)

(Ign/Opr/Adnkronos)