Roma: alunni con prurito e rossori, evacuato secondo piano Scuola 'don Albera'
Roma: alunni con prurito e rossori, evacuato secondo piano Scuola 'don Albera'
LA PRESIDE, 300 STUDENTI SONO STATI MANDATI NELLE SUCCURSALI

Roma, 13 gen. - (Adnkronos) - Ancora disturbi per alcuni bambini della scuola 'Don Paolo Albera' di via Marco Fulvio Nobiliore, a Roma, nonostante gli accertamenti e la bonifica dei locali dopo che, ad ottobre scorso, alcuni alunni avevano avuto delle reazioni cutanee, rossori e pruriti forse dovuti alla presenza di acari. Il 7 gennaio scorso la scuola ha riaperto, con il benestare della Asl, ma si sono di nuovo manifestati disturbi per una quindicina di alunni e la preside Maria Antonietta Damiano ha deciso quindi di evacuare il secondo piano dell'istituto, distribuendo tra ieri e oggi circa 300 alunni nelle succursali.

"Dopo la chiusura della scuola successiva al primo caso, ad ottobre - spiega all'ADNKRONOS la preside - abbiamo riaperto la scuola col via libera della Asl. La riapertura avvenuta alla presenza del medico e il 7 gennaio gli stessi bambini che avevano accusato problemi in precedenza hanno avuto nuovi sintomi e il giorno successivo successo anche ad altri bambini. In tutto sono circa 15 gli alunni che hanno avuto problemi, forse si tratta di soggetti particolarmente allergici, comunque ho deciso di chiudere il secondo piano dell'istituto, dove si sono verificati questi casi, mandando nelle succursali circa 300 alunni".

Come racconta la preside, i problemi si sono sempre manifestati al secondo piano. "Sono stati fatti esami, sono stati disinfestati giardini e locali ma forse non sufficiente. Ora la Asl ha ripreso in mano la situazione, far intervenire l'Istituto superiore di sanit e investiranno del problema anche l'Universit Cattolica del Sacro Cuore". Dalle verifiche, sottolinea Damiano, emerso che il problema potrebbe essere causato da un acaro che si annida su alberi non curati e nel sottobosco: "Abbiano notato che i casi di irritazione avvengono sempre all'indomani di giornate ventose che potrebbero favorire la diffusione di questi acari". "In ogni caso - conclude - credo che debba essere bonificato anche il giardino della vicina scuola media e la strada, via Nobiliore, dove ci sono tanti platani secolari".

(Zla/Ct/Adnkronos)