Sanita': parte Piano rientro in Calabria, stop a ricovero in 5 ospedali
Sanita': parte Piano rientro in Calabria, stop a ricovero in 5 ospedali

Catanzaro, 13 gen. - (Adnkronos) - La Giunta regionale della Calabria ha approvato il primo atto del Piano di rientro nel settore della sanit, deliberando lo stop del ricovero di malati acuti in cinque ospedali. I presidi di Oppido Mamertina (Reggio Calabria), Chiaravalle Centrale (Catanzaro), San Marco Argentano, Mormanno (Cosenza) e Soriano Calabro (Vibo Valentia) saranno destinati a Case della salute o ospedali per lungodegenti. Non gestiranno pi ricoveri per malati acuti ma diventeranno presidi sanitari territoriali dotati di nuove tecnologie e servizi d’avanguardia.

“E il primo passo di quella riorganizzazione migliorativa del sistema sanitario nazionale che abbiamo concordato con il governo centrale con il piano di rientro e che avr ricadute benefiche sui cittadini calabresi che finalmente potranno contare su una Sanit adeguata ai bisogni”, ha spiegato il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero.

Il superamento dell’attuale situazione, giudicata a rischio per i pazienti, e l’individuazione dei primi cinque ospedali da riconvertire, spiegano dalla Regione, stata fatta sulla base di parametri riguardanti la dimensione della struttura (essendo micro-ospedali non possono avere servizi e tecnologia adeguati alle necessit e non hanno una utenza sufficiente) e alla distribuzione territoriale (si intervenuto su tutto il territorio regionale, badando anche alla vicinanza di altri ospedali di secondo livello per ridurre i disagi). Si avuto inoltre riguardo per la cosiddetta “clinical comeptence”, cio i requisiti professionali legati alla intensit e alla frequenza degli interventi medici e chirurgici: un ospedale con un reparto di chirurgia, con meno del quaranta per cento di posti letto occupati, la met dei quali con ricoveri impropri di tipo medico, non offre, per esempio, condizioni di sicurezza chirurgica. (segue)

(Ink/Zn/Adnkronos)