Haiti: W.Post, serve conto bancario unico per tutti fondi ricostruzione
Haiti: W.Post, serve conto bancario unico per tutti fondi ricostruzione

Washington, 19 gen. - (Adnkronos/Washington Post) - In gravi difficolt gi da molto tempo prima del terremoto di martedi' scorso, il governo di Haiti non puo' gestire la montagna di dollari di aiuti internazionali in arrivo e in nessun modo e' in grado di interagire con le 20 o piu' agenzie di donatori per l'assegnazione dei progetti e i relativi finanziamenti. Lo scrive sul 'Washington Post' Jeffrey Sachs, direttore dell''Earth Institute alla Columbia University, sostenendo che per l'intera operazione di soccorso serve "denaro in banca, in un fondo unico e trasparente".

"Haiti ha bisogno di un conto in banca per finanziare la sua sopravvivenza e la ricostruzione. La Inter-American Development Bank sarebbe una sede eccellente, e' ben gestita, gode di ottima reputazione", rileva Sachs sul quotidiano Usa, spiegando che un eventuale 'Fondo ricostruzione Haiti' che ricevesse gli aiuti dagli Stati Uniti e da altri donatori dovrebbe essere istituito per almeno 5 anni.

Quanto alla entit del fondo per la ricostruzione, Sachs ricorda di aver stimato, prima del terremoto ma dopo gli uragani che hanno colpito Haiti, finanziamenti urgenti di 1,4 miliardi di dollari annui, contro i 300 milioni correnti. La ricostruzione, divenuta ormai non rinviabile, coster altri 5-10 miliardi nei prossimo quinquennio. (segue)

(Ses/Gs/Adnkronos)