Anno giudiziario: pg Esposito, espellere toghe indegne di svolgere l'altissima funzione
Anno giudiziario: pg Esposito, espellere toghe indegne di svolgere l'altissima funzione

Roma, 29 gen. - (Adnkronos) - La magistratura deve avere il coraggio "nei casi piu' gravi di espellere dal suo seno chi non degno di svolgere l'altissima funzione dello jus dicere della quale investito". Lo sottolinea il procuratore generale della Cassazione, Vitaliano Esposito, nella relazione di inaugurazione dell'anno giudiziario presso piazza Cavour. "Ritengo che la preoccupazione dei possibili effetti negativi sull'intero ordine giudiziario -scrive Esposito- non debba costituire una remora alla pubblica denuncia, anche in questa solenne occasione, dei fenomeni negativi che gettano discredito non solo sull'intera categoria, costituita nella quasi totalit da persone per bene che esercitano le loro delicate funzioni con scrupolo, dedizione, spirito di abnegazione, con correttezza e disinteresse assoluti, ma -quel che peggio- sulla stessa funzione giurisdizionale, che uno dei capisaldi del moderno stato democratico".

Da qui la ricetta del procuratore generale di Cassazione: "Solo se la magistratura, mediante gli organi istituzionali costituiti al suo interno e con il suo concorso, iin grado di marginalizzare e, nei casi piu' gravi, di espellere dal suo seno chi non degno di svolgere l'altissima funzione della quale investito, puo' rivendicare, con fermezza e determinazione quell'autonomia e indipendenza che sono state ad essa riconosciute dalla saggezza e dalla lungimiranza dei costituenti che sono imposte dalle convenzioni internazionali sui diritti umani e civili alle quali l'Italia ha aderito". Proprio in questa prospettiva, ha segnalato Esposito, la Procura generale nell'anno appena terminato, "oltre ad esercitare numerose azioni disciplinari per fatti maturati in questi contesti, ha formulato la richiesta di nove misure cautelari nei confronti di giudici e pubblici ministeri al fine di rimuovere prontamente situazioni di incompatibilit con l'esercizio delle funzioni giudiziarie. La Sezione disciplinare, informa ancora Esposito, ha accolto otto di queste richieste".

(Dav/Col/Adnkronos)