Regionali: Calabria, accordo programmatico Pdl-Udc in 15 punti
Regionali: Calabria, accordo programmatico Pdl-Udc in 15 punti

Catanzaro, 29 gen. - (Adnkronos) - E’ composto da 15 punti l’accordo programmatico firmato dal Pdl e dall’Udc in Calabria in vista delle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale. Al primo posto c’ la legalit e la lotta alla criminalit organizzata. Seguono le misure per le politiche dell’occupazione volte sia a creare nuovi posti di lavoro che a ridurre l’elevato numero di precari, e le politiche a sostegno delle famiglie con l’introduzione del quoziente familiare regionale. Per la produttivit e il mondo delle imprese l’alleanza di centrodestra propone la riduzione del contributo a fondo perduto e la prevalenza di forme di incentivazione automatiche come il credito d’imposta, il finanziamento della legge Sabatini come aiuto alle piccole e medie imprese, il sostegno all’imprenditoria femminile, la promozione della politica dei distretti e le zone franche al fine di valorizzare la fiscalit di vantaggio.

Inoltre la coalizione ha in mente la realizzazione di politiche per il credito mediante l’incremento del patrimonio dei Confidi e il loro accorpamento in enti finanziari di secondo livello, la concentrazione delle risorse per valorizzare le vocazioni sui singoli territori per evitare la polverizzazione degli interventi e per convogliare gli investimenti pubblici verso obiettivi strategici di sviluppo locale. Tema delicato quello della sanit. Il centrodestra si impegna per la riforma del sistema sanitario nei primi mesi della legislatura, orientata alla deospedalizzazione e all’adozione di modelli di sanit territoriale centrate sui distretti e sulla creazione di reti di poliambulatori specialistici tecnologicamente innovativi, alla riorganizzazione territoriale delle aziende sanitarie e della rete ospedaliera.

Il Pdl-Udc attueranno politiche per contrastare l’emigrazione intellettuale e favoriranno la riforma della pubblica amministrazione regionale favorendo nei singoli dipartimenti l’ingresso di nuove esperienza e giovani saperi. Capitolo a parte per le infrastrutture, che riguardano il miglioramento del sistema di trasporto pubblico locale, stradale e ferroviario, e un sistema aeroportuale integrato su base regionale. Infine, tra gli altri punti, l’applicazione di tecnologie innovative per lo smaltimento dei rifiuti con priorit assoluta al mare e il rilancio del turismo.

(Ink/Pn/Adnkronos)