Agricoltura: appello apicoltori a Fazio e Galan, stop a insetticidi killer
Agricoltura: appello apicoltori a Fazio e Galan, stop a insetticidi killer
Fai e Unaapi lo chiedono con forza

Roma, 4 ago. (Adnkronos) - Rendere definitivo lo stop alle sostanze chimiche responsabili di spopolamento e morte di milioni di alveari in Italia: questo l'appello congiunto di Fai e Unaapi, in rappresentanza di tutta l'apicoltura italiana, al Ministro della Salute Ferruccio Fazio e dell'Agricoltura Giancarlo Galan. "Dopo la sospensione a partire da settembre 2008 di neonicotinodi e fipronil, insetticidi neurotossici utilizzati nella concia del mais, si riscontrata in Italia un'evidente ripresa dello stato di salute e di buona produttivit degli alveari: ecco perch gli apicoltori del Belpaese avanzano richiesta formale per il definitivo ritiro dell'autorizzazione all'uso di queste sostanze-killer" quanto fanno sapere in una nota.

L'avvelenamento delle api sia in fase di semina e sia da irrorazione degli insetticidi sul mais in fioritura, il cui polline abbondantemente bottinato da api e altri insetti utili ed i conseguenti rischi per gli equilibri ambientali e per l'agricoltura, hanno fortemente allarmato l'opinione pubblica.

Gli apicoltori sono certi che i risultati definitivi dell'indagine scientifica del progetto Apenet (monitoraggio nazionale pubblico e indipendente promosso dal Ministero dell'Agricoltura), non possano altro che confermare quanto verificato in campo: l'utilizzo di questi insetticidi rappresenta una delle cause principali dei fenomeni di spopolamento e mora degli alveari. Per proteggere il mais esistono in alternativa, sostengono gli apicoltori confortati dagli orientamenti della migliore ricerca agronomica italiana, comprovati metodi di difesa basati sulla rotazione delle colture.

(Sec/Col/Adnkronos)