Euroallumina: Cgil, impianti devono riaprire, nuova fase non sia rinvio (2)
Euroallumina: Cgil, impianti devono riaprire, nuova fase non sia rinvio (2)

(Adnkronos) - All’investimento ''strutturale'', spiega la Cgil, ''sono chiamati a concorrere finanziariamente, oltre all’azienda, la Regione Sardegna e il Governo tramite i fondi destinati alle aree di crisi. Le variabili perch il progetto vada in porto sono molteplici, a partire dalla effettiva volont da parte di Eni di fornire l’olio combustibile a prezzi competitivi; per non parlare dei tempi molto lunghi che si prevedono per la riapertura dell’intera azienda''. Per queste ragioni la Cgil ribadisce che ''il nuovo progetto non pu considerarsi come una sorta di ‘ennesimo rinvio’'' e chiede ''fermamente che tutte le parti coinvolte nel progetto facciano la propria parte per determinare la soluzione definitiva del problema industriale e occupazionale''.

La Cgil chiarisce, infine, che ''Euroallumina deve riaprire: questo l’impegno imprescindibile che chiediamo. La situazione gravissima che vivono i 700 lavoratori in Cassa Integrazione da un anno e mezzo merita di essere risolta seriamente. Il Governo non pu sottrarsi dalla proprie responsabilit. Ad esso compete innanzitutto mettere intorno al tavolo il pi rapidamente possibile tutti i soggetti interessati per arrivare all’accordo definitivo. E’ quanto verificheremo -conclude la nota- nell’incontro previsto per il prossimo 21 settembre sempre presso il Ministero dello Sviluppo Economico''.

(Sec-Eca/Ct/Adnkronos)