Manovra: Nomura, incoraggiante ma non tocca nodi strutturali spesa
Manovra: Nomura, incoraggiante ma non tocca nodi strutturali spesa
occorrono riforme strutturali ed ulteriore consolidamento fiscale

Milano, 4 ago. - (Adnkronos) - "Sebbene incoraggiante, il taglio sul lato della spesa non tocca realmente i componenti della spesa struturalmente alti ". E' quanto scrive Nomura nel report dal titolo “The hazardous journey” in cui sono state aggiornate le previsioni al 2012 con dettagli in particolare sull'area euro. La ricerca sottolinea che la crescita italiana migliorata nella prima met dell'anno e che nei primi due trimestri sembra essere stata attorno allo 0,5%, confermando la stima del governo, ribadita oggi dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti, di un Pil che per il 2010 registrer un +1,1%.

Per il futuro prossimo, la banca giapponese che ha acquistato molti degli asset di Lehman Brothers, prevede che l'Italia cresca "sotto la media della zona euro con 1% per il 2011 e l'1,3% per il 2012". L'export inoltre "sembra destinato ad essere il componente pi dinamico mentre gli investimenti si riprenderanno probabilmente con meno vigore che nella zona euro, sulla scorta di una bassa reddivit e di un credito ancora ristretto". Quanto all'inflazione " prevista rimanere sopra quella dell'area euro sia nel 2011 che nel 2012". Sebbene in una posizione migliore rispetto a quella di altri paesi periferici, si legge nel report, l'Italia "resta molto vulnerabile agli shock esterni" e "deve agire: dal nostro punto di vista le riforme strutturali sono la via da battere".

Quanto alla manovra appena approvata da 25,068 miliardi (correttiva su 2011 e 2012 e composta da 14,581 miliardi di tagli alla spesa e da 10,487 miliardi di maggiori entrate), e pari al'1,6% del Pil, Nomura stima che dovrebbe aiutare a ridurre il deficit dal 5,4% nel 2010, al 4,7% nel 2011 e al 3,9% nel 2012, mentre il governo punta a ridurre il rapporto deficit/pil al 2,7% nel 2012. La conclusione che "resta quindi fondamentale un ulteriore consolidamento fiscale".

(Jab/Pn/Adnkronos)