Bari: Omicidio sacerdote, bracconiere confessa tragico errore
Bari: Omicidio sacerdote, bracconiere confessa tragico errore

Bari, 23 ago - (Adnkronos) - Ha confessato il bracconiere che ha sparato e ucciso per errore don Francesco Cassol, scambiando il sacco a pelo dove dormiva per un cinghiale nelle Murge di Altamura (Bari). Ha 51 anni e si chiama Giovanni Converso Ardino.

Secondo le sue dichiarazioni, rese in presenza di un avvocato, il cacciatore verso la mezzanotte tra il 21 ed il 22 agosto e' arrivato al Pulo di Altamura con la propria autovettura per la caccia del cinghiale e si e' fermato a qualche decina di metri dal terreno dove si trovavano don Cassol e i partecipanti al 'Raid Goum', il ritiro spirituale in localita' disabitate.

E' stato tratto in inganno dalle sagome a riposo dei partecipanti al raduno che ha scambiato tutte per cinghiali ed ha deciso di esplodere un colpo all'indirizzo di quello che riteneva essere un capo branco. Pochi istanti dopo, avendo sentito il vociare dei componenti del gruppo, si e' reso conto del tragico errore, e si e' allontanato con la sua auto.

(Nfr/Zn/Adnkronos)