Giustizia: dai penalisti proposta ddl riforma, due Csm e carriere separate (2)
Giustizia: dai penalisti proposta ddl riforma, due Csm e carriere separate (2)

(Adnkronos) - Rispetto all’attuale assetto, l’Unione delle camere penali prevede un Consiglio superiore della magistratura giudicante e un Consiglio superiore del pubblico ministero, entrambi presieduti dal presidente della Repubblica, con competenze su assunzioni, assegnazioni, trasferimenti e promozioni dei giudici e dei pm.

Per i penalisti dovrebbe cambiare inoltre la composizione (il numero invece sar definito da legge ordinaria): un terzo nominato dal capo dello Stato, un terzo dal parlamento in seduta comune e un terzo rispettivamente dai giudici e dai pubblici ministeri, mentre ne faranno parte di diritto il primo presidente della Cassazione e il procuratore generale presso la Cassazione (l’uno nel Consiglio superiore della magistratura giudicante, l’altro in quello del pubblico ministero), un rappresentante dell’avvocatura e uno dell’universit e un magistrato del pubblico ministero e giudicante eletti dai propri consigli superiori.

Nel progetto di riforma, l’Ucpi prevede anche l’istituzione di un’Alta corte disciplinare, formata da sette ex giudici costituzionali ed ex alti magistrati eletti dai due Consigli superiori, con giurisdizione su tutti i provvedimenti disciplinari relativi ai magistrati ordinari e, in appello, su quelli riguardanti gli avvocati. Tra le altre novit, infine, spicca per l’accesso in magistratura l’introduzione di concorsi riservati a talune categorie professionali (magistrati dell’altra funzione, avvocati o professori e ricercatori universitari).

(Mrg/Gs/Adnkronos)