Palermo: Pm Ingroia, Possibile eseguire esame Dna su bandito Giuliano
Palermo: Pm Ingroia, Possibile eseguire esame Dna su bandito Giuliano
'Adesso bisogna individuare con quali parenti compararlo'

Palermo, 3 nov. - (Adnkronos) - Sara' possibile eseguire l'esame del Dna sul cadavere del bandito Salvatore Giuliano riesumato una settimana fa dal cimitero di Montelepre (Palermo) su disposizione della Procura di Palermo. A confermarlo all'ADNKRONOS e' il Procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia che coordina l'inchiesta, a sessant'anni dalla morte del bandito di Montelepre, ucciso il 5 luglio 1950 a Castelvetrano (Trapani). "A questo punto - spiega il magistrato - bisogna individuare i parenti con i quali comparare il Dna che verra' estratto dalla salma riesumata a Montelepre". Sono diversi i parenti ncora in vita di Giuliano, a partire da alcuni nipoti, figli della sorella del bandito.

Quelle sul Dna sono "notizie informali", perche' il procuratore aggiunto, come spiega lo stesso, non ha ancora ricevuto "la relazione definitiva del medico legale Livio Milone che ha eseguito la riesumazione e l'autpsia sul cadavere". (segue)

(Ter/Zn/Adnkronos)