Pesaro: Guardia di finanza sequestra 2.000 quadri a imprenditore
Pesaro: Guardia di finanza sequestra 2.000 quadri a imprenditore
valore presunto delle opere oltre 1 milione di euro

Pesaro, 3 nov. - (Adnkronos) - La Guardia di finanza di Pesaro ha trovato, nell'azienda di un imprenditore pesarese, 2000 quadri di artisti contemporanei per un valore presunto di oltre 1 milione di euro. L'uomo stato denunciato dalle fiamme gialle per ricettazione. I finanzieri durante una verifica fiscale nell'azienda dell'imprenditore hanno scoperto opere d’arte di artisti contemporanei come Nino Caff, Romano Mussolini, Marcello Antonelli, Claudio Benoffi, Paolo Tarcisio Generali e Fortunato Depero.

Le opere, verosimilmente, erano destinate alla vendita attraverso il sistema delle aste. Di fatto le fiamme gialle hanno scoperto una sala attrezzata con sedie, tavoli e apparecchiature foniche. I militari della compagnia della Guardia di finanza di Pesaro hanno posto sotto sequestro preventivo l’intera collezione e avviato approfondite indagini per risalire ai canali di approvvigionamento e di commercializzazione, avvalendosi, per la catalogazione, della collaborazione dei carabinieri del comando tutela patrimonio culturale di Ancona.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Pesaro, sono tese a ricostruire, non solo la posizione reddituale dell’imprenditore, il quale per il momento stato denunciato per ricettazione, ma anche ad accertare, attraverso il confronto con gli archivi e gli storici d’arte, l’autenticit e il valore certo dei quadri.

(Gsc/Col/Adnkronos)