Sanita': ferita infetta dopo cesareo a Catanzaro, Commissione errori indaga
Sanita': ferita infetta dopo cesareo a Catanzaro, Commissione errori indaga

Roma, 3 nov. - (Adnkronos/Adnronos Salute) - Ospedali ancora sotto i riflettori in Calabria per un caso di presunta malasanit, dopo la denuncia di una donna rimasta tre settimane in ospedale per un'infezione seguita a un parto cesareo. Sul caso la Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali ha chiesto una relazione al presidente della Regione Calabria con deleghe alla Sanit, Giuseppe Scopelliti.

"Il 27 settembre scorso la donna - ricorda una nota della Commissione - ricoverata nell'azienda sanitaria 'Pugliese-Ciaccio' di Catanzaro, ha avuto il suo secondo figlio, ma una settimana pi tardi, dopo numerose richieste di accertamenti dovute ai forti dolori, le visite specialistiche hanno accertato la presenza di un'infezione della ferita e del peritoneo, dovuta, sembra, ad una mancata copertura antibiotica prima dell'operazione". Sul caso l'azienda ospedaliera ha avviato le procedure preliminari per la costituzione di un'apposita Commissione, per esaminare il percorso clinico della paziente, dal ricovero alle dimissioni.

"La Commissione parlamentare che presiedo - afferma Leoluca Orlando - resta in attesa dei risultati delle indagini avviate dall'azienda ospedaliera. Di fronte a questo episodio - aggiunge - attendiamo di conoscere ogni elemento utile per accertare l'esistenza di responsabilit personali e/o l'esistenza di anomalie funzionali e organizzative, nonch eventuali provvedimenti cautelari adottati". La Commissione d'inchiesta ha avviato in campo nazionale uno specifico filone d'indagine sui punti nascita, coordinato dall'onorevole Benedetto Fucci e con il coinvolgimento e la collaborazione degli assessori regionali alla sanit e della magistratura ordinaria.

(Com-Ram/Zn/Adnkronos)