Carceri: garante detenuti Lazio, Regina Coeli invivibile
Carceri: garante detenuti Lazio, Regina Coeli invivibile

Roma, 6 nov. - (Adnkronos) - "L’insopportabile sovraffollamento si aggiunge alla carenza di servizi essenziali come l’acqua calda, che ormai manca da luglio per la rottura dell’impianto centralizzato di riscaldamento dell’acqua. La direzione del carcere riesce a garantire una doccia calda solo a 15-20 detenuti a sezione a fronte di una media di 150 reclusi". quanto denuncia Angiolo Marroni, garante dei detenuti della Regione Lazio, in riferimento alle condizioni del carcere romano di Regina Coeli.

I detenuti hanno riferito ai collaboratori del Garante che, per lavarsi con acqua calda sono costretti a scaldare l’acqua sui fornelli e tutto questo comporta una spesa ingente per l’acquisto di bombolette a gas, che pochi possono permettersi. A questo si aggiunge la mancanza di vestiario pesante per affrontare l’inverno. I detenuti stranieri non sono attrezzati per i rigori dell’inverno e il cappellano e i volontari Caritas non riescono a garantire vestiario per tutti.

Nei scorsi giorni, con la sezione di Primo Ingresso strapiena di detenuti, le persone arrestate e trasferite in carcere hanno atteso diverse ore nelle celle di sicurezza dell’Ufficio Matricola prima di essere accolte nel cosiddetto transito. (segue)

(Cmu/Ct/Adnkronos)