Papa: tragedia europea la convinzione che Dio e' antagonista dell'uomo
Papa: tragedia europea la convinzione che Dio e' antagonista dell'uomo

Citt del Vaticano, 6 nov. - (Adnkronos) - " una tragedia che in Europa, soprattutto nel XIX secolo, si affermasse e diffondesse la convinzione che Dio l’antagonista dell’uomo e il nemico della sua liber. Con questo si voleva mettere in ombra la vera fede biblica in Dio, che mand nel mondo suo Figlio Ges Cristo perch nessuno muoia, ma tutti abbiano la vita eterna". E' quanto ha affermato il Papa, presiedendo a Santiago de Compostela la Santa Messa in occasione dell’Anno Giubilare Compostelano.

"L’autore sacro afferma perentorio davanti a un paganesimo per il quale Dio invidioso dell’uomo o lo disprezza: come Dio avrebbe creato tutte le cose se non le avesse amate, Lui che nella sua infinita pienezza non ha bisogno di nulla? - ha proseguito -Come si sarebbe rivelato agli uomini se non avesse voluto proteggerli? Dio l’origine del nostro essere e il fondamento e culmine della nostra libert, non il suo oppositore. Come l’uomo mortale si pu fondare su se stesso e come l’uomo peccatore si pu riconciliare con se stesso? Come possibile che si sia fatto pubblico silenzio sulla realt prima ed essenziale della vita umana? Come ci che pi determinante in essa pu essere rinchiuso nella mera intimit o relegato nella penombra?" (segue)

(Zss/Pn/Adnkronos)