Pompei: Cerasoli (Uil), gravi le responsabilita' di Bondi
Pompei: Cerasoli (Uil), gravi le responsabilita' di Bondi

Roma, 6 nov. - (Adnkronos) - "Sono veramente gravi le responsabilit del ministro Bondi che si affidato alle cure del Commissariamento di Pompei e aldil della propaganda i risultati di scelte dissennate e incomprensibili la dice lunga su ci che stato fatto nell’area archeologica pi importante del mondo''. Lo afferma il segretario generale Uil Beni e Attivita' Culturali Gianfranco Cerasoli. ''Stamane -continua- attorno alle ore 6/7, meno male che gli scavi erano ancora chiusi, letteralmente crollata ( sembra quasi sotto l’effetto di un terremoto o di un bombardamento) la casa chiamata "Schola armaturarum iuventis pompeiani".

''Tale casa -dice Cerasoli- fu rinvenuta nel 191 e restaurata nel 1946 , da allora non sembrano essere stati fatti interventi salvo il rifacimento dell’asfalto del tetto durante la gestione commissariale. Infatti l’asfalto risulterebbe essere stato rifatto da circa 7 mesi. Molto probabilmente la casa crollata per effetto delle infiltrazioni d’acqua ma veramente singolare che durante la gestione commissariale che era deputata proprio alla messa in sicurezza, nessuno si sia reso conto dello stato in cui tale casa si trovava''.

''A questo punto -aggiunge Cerasoli- la Procura a cui la Uil aveva gi sporto denuncia dovrebbe indagare per capire e passare al setaccio tutti gli interventi e l’operato legato alle attivit commissariali che per fare gli interventi avr redatto un piano con le emergenze . Ricordo che il Direttore degli scavi Varone aveva segnalato la pericolosit degli scavi tanto che temeva per l’incolumit dei visitatori e degli stessi dipendenti''. (segue)

(Spe/Pn/Adnkronos)