Notizie Flash: 1/a edizione - L'interno (2)
Notizie Flash: 1/a edizione - L'interno (2)

Roma. "Forse Berlusconi si dimenticato, in assoluta buonafede, del fatto che c' una mozione gi presentata alla Camera. Per cui chiaro che, per un criterio minimale di correttezza istituzionale, bisogna partire dalla Camera". Lo dice il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini. "Poich stata incardinata la mozione di sfiducia alla Camera -rimarca Casini- bisogner da li' partire per un dibattito che io mi auguro sfoci nelle dimissioni di Berlusconi. Credo che sarebbe un ottimo contributo". ''Ci sar un dibattito in aula. Mi auguro che Berlusconi non ci costringa al voto e che soprattutto non costringa se stesso al voto. Prenda atto e si dimetta", sottolinea. "Una conta -avverte Casini- avrebbe solo l'effetto concreto di rendere impossibile qualsiasi dialogo in questa legislatura. Io mi auguro che Berlusconi non ci costringa al voto, ma questa una scelta sua". "Se vuole costringerci al voto, voteremo. Dopodich mi auguro -continua Casini- che tutti troveranno il modo per una soluzione dignitosa che serve al Paese perch una campagna degli stracci che duri cinque mesi, che presumibilmente dar gli stessi risultati che abbiamo oggi in Parlamento sar una perdita di tempo ernome, che non ci possiamo consentire". (segue)

(Pol/Col/Adnkronos)