Mafia: Pdl, sottovalutate rivelazioni Conso da organi informazione
Mafia: Pdl, sottovalutate rivelazioni Conso da organi informazione
Gasparri e Cicchitto, iniziative parlamentari in commissione Antimafia

Roma, 14 nov. - (Adnkronos) - "Sorprende la sottovalutazione da parte di troppi organi di informazione delle rivelazioni fatte dall'ex ministro della Giustizia Conso alla commissione Antimafia nei giorni scorsi. Conso ha detto che, ai tempi del governo Ciampi, decise da ministro della Giustizia di sospendere il carcere duro per 140 mafiosi con lo scopo di frenare l'offensiva stragista della mafia. Queste affermazioni, che peraltro spazzano via elucubrazioni e menzogne alimentate da tanti esponenti politici e togati, mettono in primo piano le gravi responsabilit di governi ed esponenti dei primi anni '90''. Lo dichiarano i presidenti dei gruppi parlamentari del Pdl di Camera e Senato, Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri.

''Assumeremo iniziative su questa vicenda e -continuano gli esponenti del Pdl- denunciamo pubblicamente il silenzio che, tranne rare eccezioni, sta circondando queste affermazioni. Il presidente del Consiglio dell'epoca, che poi sarebbe diventato presidente della Repubblica, era Ciampi, e appaiono coinvolti in queste decisioni esponenti di punta del Viminale come il capo della Polizia dell'epoca che era notoriamente legato ad alte personalit dello Stato. C'e', insomma, uno squarcio di verit che va conosciuto ed analizzato a fondo''.

''Assumeremo iniziative parlamentari in commissione Antimafia, ma ci auguriamo che chi ha diffuso tante menzogne per troppi anni dia finalmente l'adeguata attenzione a queste inquietanti verit che affiorano dal recente passato italiano'', concludono Gasparri e Cicchitto.

(Pol-Gac/Zn/Adnkronos)