Afghanistan: Petteno' (Sinistra veneta), ritirare i soldati italiani (2)
Afghanistan: Petteno' (Sinistra veneta), ritirare i soldati italiani (2)

(Adnkronos) - “L’Italia – sostiene Petten - rimane in Afghanistan esclusivamente per sostenere, in una regione considerata strategica, gli interessi degli alleati statunitensi”. “La stessa azione per organizzare ed addestrare la polizia e l’esercito “regolare” afghano, risulta del tutto inutile – spiega la mozione depositata - essendo tale esercito un calderone di etnie (pashtun, hazara, tajiki, uzbeki) alcune delle quali in guerra tra loro da oltre 2000 anni, fazioni spesso controllate dai diversi “Signori della Guerra” che presidiano le diverse aree del paese e i redditizi traffici di droga”.

Per l’esponente della Sinistra veneta tempo di chiarezza: “Scegliere e decidere di continuare a mandare i nostri giovani in guerra, solo per sostenere gli interessi statunitensi in Afghanistan – sostiene - non trova giustificazione alcuna. Anzi, tutto ci avviene in violazione e disprezzo della nostra Costituzione”.

Al governatore del Veneto Zaia che ha espresso la vicinanza e il cordoglio per la perdita di un altro “giovane veneto, il tredicesimo, ennesimo contributo di sangue che la nostra Regione paga in una guerra tanto crudele e tanto lontana” Petten replica ricordando che “l’unico modo vero, sincero, concreto, per onorare il ricordo di Massimo Ranzani, di Matteo Miotto, dei nostri giovani caduti, ma anche degli oltre 50 mila afghani civili morti per mano dei soldati ‘in missione di pace’, chiedere al Governo l’immediato ritiro dei soldati italiani dall’Afghanistan”.

(Red-Ave/Col/Adnkronos)