Afghanistan: Pipitone (Idv), portiamo a casa i nostri soldati
Afghanistan: Pipitone (Idv), portiamo a casa i nostri soldati

Venezia, 1 mar. - (Adnkronos) – “Ci inchiniamo alla memoria del tenente Massimo Ranzani, un figlio della nostra terra che fa onore all’Italia, alla sua famiglia e a tutti gli italiani. Ma quante vite bisogner ancora piangere prima che il governo si decida a ritirare i nostri soldati dall’Afghanistan?”. Antonino Pipitone, consigliere regionale veneto di Italia dei Valori, rende omaggio al militare di Santa Maria Maddalena di Occhiobello, in forza al quinto reggimento alpini di stanza a Vipiteno, ucciso in seguito allo scoppio di una bomba nell'ovest dell'Afghanistan, ma pone il problema della permanenza e degli obiettivi della presenza militare italiana in quel paese.

“Siamo di nuovo qui, impotenti, a parlare dell’ennesimo militare italiano perito durante una missione di pace - osserva Pipitone - che di pace non pi da un pezzo. A commentare una morte che si poteva evitare. Quante frasi di circostanza e funerali di stato dovranno ancora passare? Come IdV - conclude Pipitone - siamo vicini alla famiglia Ranzani, a quelle dei quattro feriti e a tutti i commilitoni impegnati su quei territori, ma nel contempo chiediamo con forza: ritiriamo i nostri militari dall'Afghanistan”.

(Red-Ave/Gs/Adnkronos)