Calabria: truffa su centrale turbogas di Scandale, 8 provvedimenti
Calabria: truffa su centrale turbogas di Scandale, 8 provvedimenti

Crotone, 1 mar. - (Adnkronos) - I militari del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Crotone hanno eseguito otto ordinanze di custodia cautelare (tre in carcere) nell’ambito di un’inchiesta in cui sono indagati imprenditori e professionisti coinvolti, a vario titolo, nella mancata realizzazione di un contratto di programma che aveva ad oggetto una serie di investimenti nel comune di Scandale costituenti una “filiera energetica”, stipulato dall’ex Ministero delle Attivit produttive (ora Ministero per lo Sviluppo economico) ed il soggetto attuatore “Consorzio Eurosviluppo scarl”.

La mancata realizzazione del progetto ha determinato un danno per il bilancio dello Stato e della Regione Calabria di quattro milioni di euro, somma che sarebbe stata incassata dagli indagati e finita in conti esteri. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Crotone Pierpaolo Bruni, hanno impegnato per quasi due anni gli investigatori in complessi accertamenti finanziari, sviluppati anche attraverso il coinvolgimento di altre Procure sul territorio nazionale e la collaborazione delle autorit giudiziarie monegasche, svizzere e lussemburghesi.

In base alle risultanze investigative, Aldo Bonaldi, imprenditore lombardo residente nel Principato di Monaco, ritenuto il principale artefice del sistema di frode, avrebbe creato i presupposti necessari per accedere al finanziamento pubblico, ottenendo dal Ministero dello Sviluppo economico l’autorizzazione alla costruzione di una centrale da 800 MW attraverso la costituzione di una societ ad hoc, la “Eurosviluppo Elettrica spa”. (segue)

(Ink/Pn/Adnkronos)