Carceri: Sappe, necessario ripensare ruolo istituti e funzione della pena (3)
Carceri: Sappe, necessario ripensare ruolo istituti e funzione della pena (3)

(Adnkronos) - ''Si potrebbe quindi ipotizzare un nuovo sistema penitenziario articolato su tre livelli - ha spiegato Capece - Il primo, per i reati meno gravi con una pena detentiva non superiore ai 3 anni, caratterizzato da pene alternative al carcere, quale l’istituto della 'messa alla prova'. In proposito, non pu sottacersi che la recente Legge 199\2010 non ha dato i risultati sperati, dal momento che ha interessato circa 1.000 detenuti. ll secondo livello quello che riguarda le pene detentive superiori ai 3 anni, che inevitabilmente dovranno essere espiate in carcere, ma in istituti molto meno affollati per lo sgravio conseguente all’operativit del primo livello e per una notevole riduzione dell’utilizzo della custodia cautelare. Il terzo livello, infine, quello della massima sicurezza, in cui il contenimento in carcere l’obiettivo prioritario”.

“Nell’ambito delle prospettive future - ha concluso il Sappe - occorre dunque che lo Stato, pur mantenendo la rilevanza penale, indichi le condotte per le quali non necessario il carcere, ipotizzando sanzioni diverse, ridisegnando in un certo senso l’intero sistema. E la Polizia penitenziaria che riteniamo debba connotarsi sempre pi come Polizia dell’esecuzione penale, oltrech di prevenzione e di sicurezza per i compiti istituzionali ad essa affidati dall’ordinamento, sicuramente quella propriamente deputata al controllo dei soggetti ammessi alle misure alternative.”

(Sin/Pn/Adnkronos)