Fitness: ecco il 'doping' a tavola per vincere maratone di primavera
Fitness: ecco il 'doping' a tavola per vincere maratone di primavera
Esperta, uvetta per 'sprint' a meta' gara e 'mix' limone-miele a fine corsa

Roma, 1 mar. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Prepararsi bene anche a tavola, iniziando 3-4 mesi prima dell'inizio della stagione delle 'maratone di primavera'. Cominciando magari gi da quella di Roma il prossimo 20 marzo. A svelare i segreti per arrivare al traguardo dei 42 chilometri e 195 metri della regina delle specialit olimpiche Sara Farnetti, specialista in Medicina interna e nutrizione funzionale del Policlinico Gemelli di Roma. "Durante la corsa si pu mangiare l'uvetta (due cucchiai contengono 30 grammi di carboidrati), ottima per 'sprint' a met gara. Poi per integrare, basta mixare un etto di miele di acacia in un litro di limone. Un 'cocktail' fai da te per ricaricare l'organismo messo sotto stress dal lungo sforzo fisico".

"Correre la maratona un sforzo enorme per chi partecipa - spiega la Farnetti all'Adnkronos Salute - Fondamentale quindi preparare bene anche l'alimentazione. Sarebbe consigliato iniziare gi 3-4 mesi prima della gara. Molte ore di sforzo fisico vanno compensante con una dieta varia, complessa e 'unisex'. Quindi non solo carboidrati, perch dopo i primi 40 minuti il corpo inizia ad attaccare i grassi e sarebbe sbagliato mangiare solo pasta o patate".

Un muscolo particolare, quello del corridore di fondo, ovvero specializzato su distanze di 10, 25 e 42 chilometri: "Il muscolo allungato, ma ha una massa magra notevole. Quindi va nutrito con proteine abbinate ai carboidrati. Come pesce e pasta, uova e parmigiano", consiglia l'esperta. (segue)

(Frm/Col/Adnkronos)