Lazio: presidente Municipio Roma XVII, arrivano tardi risorse per partecipazione bject Uuid : 8c5b6e16-dbf5-11e3-8272-bff40383356b -->
Cerca
Si è verificato un errore.
 
Archivio . AdnAgenzia . 2011 . 03 . 01
CRONACA
Lazio: presidente Municipio Roma XVII, arrivano tardi risorse per partecipazione
Regione conceda proroga di sei mesi per la rendicontazione finale delle spese

Roma, 1 mar. (Adnkronos) - “Se davvero alla Regione Lazio preme coinvolgere i cittadini nelle scelte economico-finanziarie, cos come auspica la stessa legge regionale allora si devono anche creare le condizioni perch ci possa effettivamente avvenire''. Lo ha dichiarato la presidente del Municipio Roma XVII, Antonella De Giusti, che ha aggiunto:''Non si pu concedere a fine gennaio 2011 un contributo al Municipio di 20.000 euro a questo scopo, e poi informare che il presupposto affinch questo contributo sia davvero erogato deve essere la rendicontazione delle spese non oltre il 31 marzo 2011, solo due mesi dopo! Come si fa ad avviare il progetto e concluderlo positivamente (con tanto di rendiconto spese!) in poche settimane? Che tempi sono questi per una 'partecipazione' reale alle decisioni dell’amministrazione?''.

''Eppure il progetto di partecipazione del Municipio era pronto gi dal 9 aprile 2010 – ha continuato Antonella De Giusti - ed era stato regolarmente inviato alla Regione. Insomma, i ritardi dell’ente regionale ricadono sul Municipio e impediscono di fatto che il progetto di partecipazione abbia luogo. Anche perch noi non potevamo anticipare i soldi, in attesa di una futura disponibilit finanziaria della Regione, visto che i noti “tagli” al bilancio ci impediscono di avere risorse autonome per questo genere di iniziative00.

''Siccome noi vogliamo coinvolgere i cittadini nelle nostre decisioni – ha concluso la Presidente del Municipio Roma XVII - e non la prima volta che ci impegniamo nel cosiddetto ‘bilancio partecipato’, abbiamo richiesto all’Assessore al Bilancio della regione una proroga di sei mesi per la rendicontazione delle spese. Tempo che a noi appare congruo per avviare il progetto, portarlo a compimento e sbrigare tutte le procedure amministrative richieste. Se la proroga non fosse concessa, e ne saremmo davvero stupiti, vorr dire che la regione probabilmente non tiene molto alla partecipazione dei cittadini, e considera i propri propositi normativi delle semplici enunciazioni di principio prive di efficacia pratica”.

(Rre/Ct/Adnkronos)

 

Cerca
Si è verificato un errore.