Maltempo: geologi Calabria, predisporre presidi territoriali permanenti
Maltempo: geologi Calabria, predisporre presidi territoriali permanenti
Violo, una sorta di rete di 'sentinelle' del territorio con personale altamente qualificato

Roma, 1 mar. - (Adnkronos) - “I nubifragi che oggi hanno colpito in particolare la provincia di Reggio Calabria ed il Vibonese, causando, purtroppo, una vittima nella periferia nord di Reggio Calabria, hanno mostrato ancora una volta la fragilit idrogeologica del nostro territorio. Si registrata l’esondazione del Fiume Budello di Gioia Tauro (gi esondato all’inizio di Novembre scorso con la conseguente evacuazione di circa 120 persone). Allagamenti e frane si registrano anche nel Cosentino, a Catanzaro e nel Crotonese". Lo ha dichiarato il presidente dell’Ordine dei Geologi della Calabria , Arcangelo Fracesco Violo.

"Tra l’altro siamo reduci da due precedenti stagioni invernali che hanno pesantemente segnato il territorio, durante le quali si registrata l'attivazione di migliaia di frane di piccola e grande entit che hanno reso delicatissima la situazione e causato oltre un miliardo di euro di danni. In Calabria – ha proseguito Violo - ha influito negativamente l’antropizzazione e la mancata manutenzione degli alvei, situazione quella si sempre drammatica: infatti ad una condizione naturale fortemente penalizzante, si aggiunta una cattiva gestione del territorio che ha determinato dei veri e propri disastri ambientali: l’attivit estrattiva non regolata, l’abbandono delle zone collinari e montane, la riduzione dell’attivit agricola, la disordinata urbanizzazione con la conseguente modifica e riduzione dei corsi d’acqua e della rete di drenaggio e smaltimento delle acque superficiali, sono tra le cause responsabili dei disastri idrogeologici che ormai registriamo sistematicamente in occasione dei sempre pi frequenti eventi meteorologi estremi.

"Vaste aree dei centri urbani calabresi si allagano sistematicamente per l’assenza di un adeguato sistema di drenaggio. Bisogna predisporre, con urgenza, quegli strumenti capaci di mitigare gli effetti devastanti di questi fenomeni naturali. Bench la Regione Calabria ha di recente sottoscritto un Accordo di Programma Quadro sul dissesto idrogeologico - ha ancora affermato Violo - che prevede di impegnare circa 220 milioni di euro, non si pu certamente pensare che questa somma, per quanto importante sia, possa risolvere i problemi della Calabria che notorio sono di ben altra entit e complessit. Tuttavia proprio la gravit del quadro generale impone di non sprecare nemmeno un centesimo, velocizzare la spesa e soprattutto compiere interventi efficaci”. (segue)

(Asc/Gs/Adnkronos)