Sicurezza: in Lombardia entro due anni distributori videosorvegliati
Sicurezza: in Lombardia entro due anni distributori videosorvegliati

Milano, 1 mar. (Adnkronos) - Entro i prossimi due anni tutti gli impianti di distribuzione dei carburanti della Lombardia dovranno dotarsi di impianti di videosorveglianza a circuito chiuso, che dovranno essere attivi anche fuori dall’orario di servizio assistito. Lo stabilisce una risoluzione approvata oggi all’unanimit dal Consiglio regionale, su proposta del presidente della commissione Affari istituzionali, Sante Zuffada (PdL). Il documento invita la Giunta “a predisporre proposte modificative della normativa regionale vigente in materia che prevede la videosorveglianza solo sui grandi impianti- finalizzate a rendere obbligatoria, entro l’arco di un biennio, presso tutti gli impianti di distribuzione dei carburanti attualmente in attivit, l’installazione di impianti di videosorveglianza a circuito chiuso”.

“Si tratta –ha spiegato Zuffada, che ha illustrato in aula il documento– di una misura promossa da alcuni sindaci della Valle Olona e caldeggiata anche dalle associazioni di categoria, dopo la tragica rapina del 22 febbraio 2010 a Gorla Minore che cost la vita al gestore dell’impianto Angelo Canavesi. La norma servir ad aumentare la sicurezza non solo dei gestori degli impianti di distribuzione dei carburanti, ma anche degli utenti e pi in generale della cittadinanza”.

Il costo dell’impianto, che dovr essere collegato automaticamente con la Centrale delle forze dell’ordine, sar a carico del titolare dell’autorizzazione o della concessione. Respinti due emendamenti di Valerio Bettoni (Udc) con i quali si chiedeva che in futuro anche tabaccai, ricevitorie e agenzie di scommesse dovessero provvedere all’installazione di impianti di videosorveglianza. Il relatore Zuffada ha infatti chiarito che l’estensione di queste misure ad altri esercizi sono auspicabili, ma dovranno essere affrontate e discusse in altri, distinti provvedimenti.

(Ros/Col/Adnkronos)