Bioetica: 'Avvenire', citando Catechismo Fini assume impegno rilevante
Bioetica: 'Avvenire', citando Catechismo Fini assume impegno rilevante
Chiesa ricorda che non si puo' procurare la morte di nessuno

Roma, 1 mar. (Adnkronos) - Citare il Catechismo della Chiesa cattolica a proposito delle questioni legate al fine vita implica l'assunzione di "un impegno morale di grande rilievo". Lo sottolinea un corsivo di 'Avvenire', dopo il richiamo al Magistero fatto ieri sera dal presidente della Camera Gianfranco Fini durante il suo intervento ad 'Otto e mezzo'.

"Citare il Catechismo della Chiesa cattolica per sottolineare la propria condivisione di quelle parole autorevoli su un tema di straordinaria delicatezza come la fase terminale della vita umana -scrive il quotidiano dei Vescovi italiani- una scelta che va presa sul serio. E che ha precise conseguenze. Troppo facile sarebbe usare qualche capoverso del libro nel quale sono riassunti il magistero della Chiesa e la fede dei credenti -nientemeno- per conferire alle proprie idee un alone di inattacabilit. E dunque se il presidente della Camera va in tv per leggere le limpide frasi con le quali il Catechismo pone un argine all'accanimento terapeutico, assume un impegno morale di grande rilievo: perch la Chiesa ricorda che di nessuno si puo' procurare la morte".

"La legge nella quale la dignit mai riducibile della vita umana viene laicamente tutelata con regole chiare ormai prossima al dibattito nell'Aula presieduta dallo stesso Fini. Le parole che ha fatto proprie ieri sera -conclude 'Avvenire'- ispirino scelte rigorose e di garanzia nei prossimi giorni".

(Sam/Ct/Adnkronos)