Scuola: sit-in Pd, Berlusconi inadeguato, basta insulti
Scuola: sit-in Pd, Berlusconi inadeguato, basta insulti
Bindi, parole premier sigillo a riforma Gelmini, riforma che fa schifo

Roma, 1 mar. (Adnkronos) - "Gli insulti di Berlusconi sono la conferma della sua inadeguatezza", dice Anna Finocchiaro e Dario Franceschini: "Insultare la scuola pubblica equivale ad insultare lo Stato". Quindi Rosy Bindi tranchant: "La riforma Gelmini fa schifo e Berlusconi, altro che travisato, quando va a braccio dice veramente quel che pensa...". Sit-in del partito Democratico a galleria Colonna, due passi da palazzo Chigi, per difendere la scuola pubblica dopo le parole di sabato del premier Silvio Berlusconi.

Ci sono i capigruppo, la presidente Bindi, molti parlamentari oltre che diversi militanti che hanno sfidato la pioggia torrenziale. 'Per una scuola pubblica a garanzia della libert di pensiero', lo slogan dell'iniziativa in un grande striscione bianco che ribatte cos alle affermazioni del Cavaliere sugli insegnanti della scuola pubblica. "Le parole del premier sono un'offesa a migliaia di insegnanti e decine di migliaia di studenti -dice Franceschini- che ogni giorno vanno con dignita' in scuole che cadono a pezzi. Insultare la scuola pubblica equivale ad insultare lo Stato".

Per Finocchiaro "da presidente del Consiglio dovrebbe essere il primo difensore della scuola pubblica. Invece l'atteggiamento di Berlusconi dimostra ancora una volta tutta l'inadeguatezza del suo governo". Secondo Bindi "le parole di Berlusconi sono state semplicemente un sigillo alla riforma Gelmini che e' uno schifo". Il premier, continua, "sta usando tutti gli argomenti possibili pur di scambiare qualcosa con un pezzo del mondo cattolico. Ma gli italiani non ci cascano e ha risposto bene Bagnasco dicendo che il mondo cattolico ha a cuore la scuola tutta, soprattutto quella pubblica".

(Mon/Gs/Adnkronos)