Immigrati: a Verona residence mette a disposizione 200 posti per i profughi, ignorato
Immigrati: a Verona residence mette a disposizione 200 posti per i profughi, ignorato
Inviate lettere a Prefettura e Provincia, nessuna risposta

Verona, 26 mar. (Adnkronos) - "Per i profughi, siano essi libici, tunisini o di altre nazionalit, metto a disposizione duecento posti letto con possibilit di colazione, pranzo e cena, basta che me lo chiedano". A riferirlo il responsabile di un residence di Verona, Giorgio Tedeschi che lo scorso 3 marzo, con una lettera alla Prefettura, e il 22 marzo, con un'altra alla Provincia, ha dato la sua disponibilit ad ospitare i profughi. Il titolare del residence non ha ricevuto alcuna risposta.

"Siamo a confermarvi - si legge nelle missiva pubblicata da 'l'Arena' - la disponibilit della struttura per ospitare eventuali profughi libici/tunisini per una capienza di circa 200 posti, con possibilit di somministrazione pasti". Ma il responsabile del residence si dice perplesso "nesuna risposta e adesso leggo che c' difficolt a reperire posti letto per i profughi, anche a causa della stagione turistica alle porte... Sinceramente c' qualcosa che mi sfugge. E mi disturba che, magari inconsapevolmente, si dia un'immagine razzista degli albergatori veronesi". Recentemente, sulla polemica profughi, la disponibilit scaligera di posti, parole del Sindaco Flavio Tosi, era stata di circa 30 persone.

"Da parte nostra - continua Tedeschi - siamo pronti ad affrontare qualsiasi evenienza: con le nostre 96 stanze possiamo ospitare senza problemi duecento persone e siamo in grado di garantire i pasti. Inoltre siamo vicini al casello di Verona sud, alle tangenziali e all'aeroporto, meglio di cos. Dopo i fax ho provato anche a telefonare, vorrei sbagliarmi ma ho come la sensazione di dare fastidio".

(Paj/Col/Adnkronos)