Alimenti: Coldiretti, bene richiesta tutela Unesco per pizza, meta' e' straniera
Alimenti: Coldiretti, bene richiesta tutela Unesco per pizza, meta' e' straniera

Roma, 26 mar. (Adnkronos) - Almeno una pizza su due contiene ingredienti principali importati dall'estero senza alcuna indicazione per i consumatori che credono di assaporare i prodotti della tradizione made in Italy mentre viene loro servito un mix di farina, pomodoro, mozzarelle e olio provenienti da migliaia di chilometri di distanza. E' quanto afferma la Coldiretti nell’esprimere apprezzamento per la consegna ufficiale all'ambasciatore italiano presso l'Unesco, Maurizio Serra della candidatura de ''L'arte tradizionale dei Pizzaiuoli napoletani'' per l'iscrizione nella Lista del Patrimonio Immateriale dell'Umanita' dell'Unesco insieme a ''La pratica agricola della coltivazione della vite ad alberello dell'isola di Pantelleria per lo Zibibbo”. Le candidature fanno seguito all’iscrizione gi ottenuta per la dieta mediterranea.

Non solo all’estero ma anche in Italia sempre piu' spesso nelle pizzerie viene servito un prodotto preparato - sottolinea la Coldiretti - con cagliate provenienti dall'est Europa invece della tradizionale mozzarella, pomodoro cinese invece di quello nostrano, olio di oliva tunisino e spagnolo o addirittura olio di semi al posto dell'extravergine italiano e farina canadese o ucraina che sostituisce quella ottenuta dal grano nazionale.

In Italia sono stati importati in un anno - spiega la Coldiretti - 500 milioni di chili di extravergine, 86 milioni di chili di cagliate per mozzarelle, 115 milioni di chili di concentrato di pomodoro e 5 miliardi di chili di grano tenero. Il rispetto dell'originalit degli ingredienti e del loro legame con il territorio una condizione determinante per la tutela della vera pizza napoletana tradizionale. (segue)

(Sec/Col/Adnkronos)