Abi: austerita' in budget 2011, raddoppia spesa comunicazione
Abi: austerita' in budget 2011, raddoppia spesa comunicazione
Progetta social network Abi Space, Nicastro guida comitato spin doctors

Milano, 26 mar. - (Adnkronos) - Austerit per l'Associazione Bancaria Italiana nel 2011, ma con qualche eccezione. L'Associazione, che quest'anno vede un calo dei contributi versati dalle banche socie (da 44.080.000 a 42.140.000 euro, -4,4%), ha dovuto stringere la cinghia, approvando nello scorso novembre un budget che prevede consistenti risparmi e che, come inevitabile in questi casi, ha creato del malcontento all'interno dell'Associazione. A quanto apprende l'Adnkronos da fonti sindacali, il piano di risparmi varato dal presidente Giuseppe Mussari, che ha dovuto affrontare il nodo dei costi per riequilibrare un conto economico in forte deficit, prevedrebbe per il 2011 una riduzione delle spese per risorse umane e viaggi, dai 30.150.000 euro del 2010 a 28.340.000, un calo di circa il 6%.

Consistenti risparmi sarebbero previsti su affitti e acquisti (-5%), commissioni regionali (-57%), progetti speciali (-44,7%). Tuttavia in mezzo a tanti meno, notano le fonti, spiccherebbero alcuni pi, che confermano la consapevolezza della dirigenza della necessit di migliorare l'immagine pubblica degli istituti di credito. Alla voce "Rappresentanza e immagine" figurerebbe una previsione di spesa di 670mila euro (+13,3% sul 2010). E alla voce "Campagna di comunicazione" si prevedrebbe 1 mln di euro, contro i 500mila del 2010. In quest'ambito l'Associazione avrebbe in programma di lanciare Abi Space, un social network che dovrebbe essere riservato ai comunicatori di tutte le aziende associate per condividere le strategie di comunicazione di settore.

E' prevista anche la creazione di un comitato di comunicazione, presieduto da Roberto Nicastro, direttore generale di Unicredit, che dovrebbe riunire i responsabili dei principali gruppi bancari. Nell'ambito dei tagli previsti, come spesso succede in questi casi, a pagare un prezzo notevole dovrebbero essere i giovani, 120 contratti a tempo determinato che a scadenza non verranno rinnovati. Eppure, concludono le fonti, corre voce che Mussari abbia affermato nella sede romana della Cgil che, se la protesta dovesse arrivare fino a palazzo Altieri e i giovani andassero a tirare gi le televisioni dalle finestre del quinto piano, lui andrebbe ad aiutarli.

(Tog/Zn/Adnkronos)