Tirrenia: Caronia, governo e ministro su privatizzazione oscuri e poco chiari
Tirrenia: Caronia, governo e ministro su privatizzazione oscuri e poco chiari

Roma, 26 mar. - (Adnkronos) - ''Se le dichiarazioni del presidente di Confitarma, Paolo D’amico, secondo le quali la procedura di privatizzazione dell’ex Gruppo Tirrenia si sta svolgendo, in questa ultima fase, in piena e totale trasparenza si riferiscono all’operato del commissario straordinario, Giancarlo D’andrea, sono da me pienamente condivise.Lo stesso non si pu di certo e invece affermare nei confronti dell’operato del Governo e del ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Altero Matteoli in particolare, (Brevis esse laboro, obscurus fio) in quanto col loro sprezzante silenzio e coll’ostinato e incomprensibile rifiuto ad ogni confronto, non solo non hanno fugato, ma hanno al contrario alimentato le tante voci che circolano circa una sopraggiunta posizione della U.E. che sembra possa rimettere in discussione la legittimit e la possibilit dell’erogazione delle sovvenzioni a Tirrenia e Siremar, cosi come prevista, nei termini e nelle quantit, nei rispettivi bandi di gara''. E' quanto afferma in una nota il segretario generale della Uiltrasporti, Giuseppe Caronia.

''Sono personalmente convinto che questi dubbi non fugati e queste voci mai smentite, abbiano condizionato non poco il risultato del bando e abbiano evidentemente scoraggiato quasi tutti i potenziali acquirenti che hanno, come si visto, abbandonato la gara -continua Caronia- Adesso non pi tempo di scherzare col fuoco e nessuno si potr pi sottrarre alle proprie responsabilit''. (segue)

(Rem/Pn/Adnkronos)