Nucleare: scienziati a confronto al convegno del Terzo Polo (3)
Nucleare: scienziati a confronto al convegno del Terzo Polo (3)
Urso (Fli), non si puo' chiudere la strada al nucleare civile cancellando la legge

(Adnkronos) - “Siamo molto preoccupati per la situazione della ricerca nel nostro Paese - ha affermato l'esponente Udc Lorenzo Cesa - Se non diamo ai giovani la possibilit di fare ricerca non ci sar futuro per l’Italia, non si pu tagliare tutto in maniera lineare, questa non politica. Sul nucleare occorre un dibattito scientifico e non demagogico. Il problema vero la dipendenza energetica del nostro Paese dall’estero - ha concluso Cesa - che fa pagare a famiglie e imprese un bolletta doppia”

Poi stata la volta di Adolfo Urso (Fli): “Dobbiamo far prevalere la ragione sull’emozione - ha invocato - la responsabilit sulla demagogia. Una pausa di riflessione utile ma proprio per questo non si pu chiudere la strada al nucleare civile, cancellando la legge approvata a larga maggioranza dal Parlamento. L’Italia deve ritrovare fiducia nella scienza e nella tecnologia ed investire di pi sulla ricerca e sulla formazione, cio sul futuro”.

“La politica cavalca la pancia della gente - ha rilevato Mauro Lib (Udc) - senza neanche preoccuparsi di spiegare i repentini cambi di opinione. Il governo negli ultimi giorni ha messo un freno alle energie rinnovabili e ha sospeso il nucleare, e non ha una politica alternativa alla dipendenza dell’Italia dall’estero e anche da regimi poco democratici. In Italia c’ uno scontro ideologico permanente che penalizza la razionalit. Noi politici - ha terminato Lib - dovremmo invece imparare a stare pi vicini agli scienziati per fare il bene del Paese”.

(Lum/Ct/Adnkronos)