Medicina: consorzio di ricerca dedicato allo studio della sindrome di Rett
Medicina: consorzio di ricerca dedicato allo studio della sindrome di Rett
Rara malattia genetica del sistema nervoso centrale

Roma, 26 gen. - (Adnkronos) - Si costituito lo scorso dicembre l’'Airett Research Team’, consorzio di ricerca dedicato allo studio della sindrome di Rett, rara malattia genetica del sistema nervoso centrale. Al consorzio partecipano numerose istituzioni da tutta Italia: l’Istituto di ricerche farmacologiche 'Mario Negri’ e l’Istituto auxologico di Milano, l’Istituto superiore di sanit (Iss), il dipartimento di Neuroscienze dell’Universit di Torino, l’unit di Genetica medica dell’Universit di Siena e l’Associazione italiana Rett (Airett). Accanto a questi il Cnr presente con l’Istituto di neuroscienze (In) di Pisa e l’Istituto di genetica e biofisica (Igb) di Napoli.

“Il consorzio nasce per dare un segnale forte al Paese, confermando la volont di fare ricerca in modo nuovo”, afferma Tommaso Pizzorusso dell’In-Cnr in un articolo sul nuovo numero on line dell'Almanacco della Scienza Cnr. “Esso riunisce studiosi che, condividendo i risultati, i modelli sperimentali utilizzati e lavorando su progetti comuni sperano di poter progredire rapidamente verso una cura. Proprio grazie alle diverse competenze la ricerca sulla malattia pu proseguire in parallelo, occupandosi in contemporanea di tutte e tre le mutazioni che causano tale patologia, cio i geni Mecp2, Cdkl5 e Foxg1”.

La sindrome di Rett, ritenuta la seconda causa di deficit cognitivo, un’alterazione del sistema nervoso che si manifesta soprattutto nel genere femminile intorno al secondo anno di vita e comporta la perdita delle principali abilit acquisite dal bambino: dall’uso della parola alla deambulazione alla coordinazione dei movimenti, compromettendo l’intero sviluppo neurologico e provocando un grave isolamento sociale. (segue)

(Red/Ct/Adnkronos)