Shoah: Civilta' Cattolica ricorda gli scritti di Etty Hillesum
Shoah: Civilta' Cattolica ricorda gli scritti di Etty Hillesum
La sua esistenza drammaticamente terminata ad Auschwitz

Roma, 26 gen. - (Adnkronos) - La vicenda umana e spirituale di Etty Hillesum ha ottenuto un rilievo sempre maggiore anche in ambito italiano. A cento anni dalla nascita di questa donna (15 gennaio 1914) il lettore italiano ne puo' conoscere ''la ricchezza di vita attraverso gli scritti tradotti integralmente''. ''In quelle circa mille pagine ritroviamo in presa diretta il racconto delle vicende da lei vissute nel contesto del nazismo in Olanda''. Lo sottolinea ''La Civilta' Cattolica'', autorevole rivista della Compagnia di Gesu', in un articolo dal titolo ''Un ritratto di Etty Hillesum a cent'anni dalla nascita'', a firma del padre gesuita Gabriele Semino.

Alcuni temi (il contesto familiare, la Shoah, il valore di essere donna, il rapporto con Dio) affrontati da Hillesum ''gettano luce su tutta la sua esistenza, drammaticamente terminata ad Auschwitz''. ''Lo stile di vita da lei praticato appare ancora oggi fecondo per percorrere strade di accoglienza dell'esistenza personale, dei rapporti sociali e di interpretazione della storia'', conclude la rivista dei gesuiti.

(Red/Ct/Adnkronos)