Toscana: varato piano triennale per la prevenzione della corruzione (2)
Toscana: varato piano triennale per la prevenzione della corruzione (2)

(Adnkronos) - Tre, in ogni amministrazione pubblica italiana, in base alla legge nazionale anticorruzione, gli ambiti con un maggior rischio di corruzione e sui quali pertanto necessario intervenire: dove si spende denaro, dove si recluta e si gestisce personale, dove si possono ampliare o restringere sfere soggettive di terze persone.

Per ciascuno di questi ambiti, e con una rilevazione che monitora i rischi connessi alle tante attivit svolte ogni giorno in tutte le direzioni generali della Regione Toscana, il piano elenca misure di prevenzione rispetto a tutta una serie di azioni a rischio: dall'affidamento lavori agli appalti e alle gare, dalle autorizzazioni e concessioni ai contributi e ai sussidi, dal reclutamento dei dipendenti alle loro progressioni di carriera, dal conferimento di incarichi alle nomine in enti derivati.

8, in Regione Toscana, le direzioni generali (7 pi l'Avvocatura) che si articolano in 14 aree di coordinamento, in 93 strutture dirigenziali e in 451 posizioni organizzative con un complesso di dipendenti (dirigenti, comparto, personale comandato) pari a 2.271 persone. In Toscana la gestione finanziaria dell'ente regione raggiunge i 10 miliardi di euro (bilancio 2012). Per ogni direzione generale stata effettuata, lo scorso novembre, una rilevazione sui rischi di corruzione: partendo dal tipo di attivit svolte negli uffici, sono stati individuati indici di rischiosit ai fini di fenomeni corruttivi o comunque illegali. (segue)

(Red/Ct/Adnkronos)