Foggia: gioielliere Pescara colpito in testa durante rapina, un arresto
Foggia: gioielliere Pescara colpito in testa durante rapina, un arresto

Foggia, 1 feb. - (Adnkronos) - Durante una rapina in una gioielleria di Pescara risalente allo scorso 15 gennaio il titolare 81enne reagi' in modo coraggioso ingaggiando una lotta con i malviventi e fu colpito alla testa con il calcio della pistola: agenti del Commissariato di Manfredonia, in provincia di Foggia e della Squadra Mobile della Questura di Pescara, hanno arrestato Matias Javier Turano, di 22 anni, nato in Argentina, cittadino italiano residente a Vieste. Nei suoi confronti e' stata eseguita un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale della citta' abruzzese Maria Michela Di Fine, su richiesta del pubblico ministero Anna Rita Mantini.

Il giovane entro' nel negozio armato di pistola e spray urticante, unitamente ad altri complici. Il gioielliere riporto' ferite per una prognosi di 15 giorni ma costrinse alla fuga Turano e i suoi due complici. I rapinatori portarono via il registratore di cassa. L'arresto rientra nelle indagini su una serie di rapine tra le quali quella ai danni della gioielleria Montanari in via Conte di Ruvo. "Ero pronto a morire per difendere il mio negozio. Lo rifarei ancora'', disse subito dopo la vittima del pestaggio. E' stato lui, nonostante il volto tumefatto e la testa fasciata, a ricostruire con gli inquirenti le fasi dell'aggressione e a consegnare il video del sistema di sorveglianza che aveva ripreso il volto del giovane rapinatore. Questi, fingendosi interessato all'acquisto di preziosi, era entrato nella sua gioielleria e lo aveva aggredito improvvisamente.

(Pas/Zn/Adnkronos)