Sicilia: Cgil 'avverte' Crocetta, Regione agisca o pronti a mobilitazione
Sicilia: Cgil 'avverte' Crocetta, Regione agisca o pronti a mobilitazione
Oggi esecutivo straordinario del sindacato, all'odg lo 'stallo' dell'Isola

Palermo, 1 feb. - (Adnkronos) - "L'intervento del Governo nazionale per superare lo stallo in cui si trova la Sicilia importante e deve essere concreto ed immediato, ma Crocetta non pu pensare che Roma gli toglier tutte le castagne dal fuoco. La Regione deve agire, e in fretta, su riforme e ristrutturazione della spesa: il fattore tempo nella situazione data diventa fondamentale". A lanciare l'avvertimento al presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, Michele Pagliaro, segretario generale della Cgil Sicilia, che oggi ha chiamato a raccolta per un esecutivo straordinario la sua organizzazione.

Per il risanamento dei conti il sindacato della Camusso propone un confronto tra politici, tecnici e parti sociali per l'elaborazione di un piano da confrontare anche con l'Esecutivo nazionale, che possa, "gradualmente ma senza tentennamenti", essere adottato nel breve e medio periodo. Per Pagliaro "il punto adesso mettere in fila le priorit e andandole depennando, con l'ausilio e nel confronto con tutti i soggetti interessati. Solo cos, con le risposte concrete si potr ridurre il rischio di conflitto sociale".

"In questo momento i tatticismi finalizzati ai posizionamenti - osserva il segretario della Cgil - devono essere messi da parte in nome di qualcosa di pi importante: l'uscita dal vicolo cieco in cui si trova la Sicilia. Gli interventi su cui sta lavorando l'assessore Bianchi dovranno essere coerenti e risolutivi. Ma si dovr accelerare anche sulla riforma delle Province, da cui possono venire risparmi ed efficienza amministrativa, e sulle altre in attesa di discussione". Ma dall'esecutivo straordinario della Cgil arriva anche un appello a Cisl e Uil a convergere "su obiettivi che so essere comuni e sulla strategia di azione sindacale", che, lascia intendere il segretario della Cgil, non esclude per niente "superato il periodo critico in cui responsabile governare e non cavalcare la tensione sociale l'avvio di iniziative di mobilitazione".

(Loc/Opr/Adnkronos)