Aeroporti: Ferrandelli (Pd), rimuovere vertici Gesap
Aeroporti: Ferrandelli (Pd), rimuovere vertici Gesap
Interrogazione urgente al Governatore Crocetta su Palermo

Palermo, 10 feb.- (Adnkronos) - Il deputato regionale del Pd all’Ars, Fabrizio Ferrandelli, ha chiesto, in un’interrogazione urgente al presidente della Regione e all’assessore regionale ai Trasporti, “se non sussistano le condizioni per l’immediata rimozione dei vertici della Societ di Gestione dell’aeroporto di Palermo” a seguito dell’inchiesta della Procura di Palermo che, in merito ad alcuni appalti, ha ipotizzato il reato di associazione a delinquere e abuso di ufficio a carico del Direttore Generale Gesap dell’Aeroporto di Palermo Carmelo Scelta, dell’ex Amministratore Delegato della stessa societ Giacomo Terranova, dell’ex responsabile degli Affari Generali e Legali Vincenzo Petrigni ed del Responsabile Unico del Procedimento per vari appalti aeroportuali, Giuseppe Liistro.

Ferrandelli chiede anche al presidente della Regione di intervenire sulla presidenza e la direzione generale dell'Enac per revocare immediatamente la funzione di Accountable Manager data dall’Ente Nazionale Aviazione Civile al direttore generale dell'aeroporto Carmelo Scelta e, inoltre, di conoscere tutti gli emolumenti, base ed aggiuntivi, degli amministratori Gesap visto la relazione redatta dell’Ispettorato Generale della Finanza che mette in evidenza "gli spropositati compensi" degli amministratori della societ di gestione dell’aeroporto.

Per il parlamentare regionale del Pd, “oltre agli aspetti giudiziari che rischiano di avere risvolti penali rilevanti, siamo di fronte a sconsiderati meccanismi gestionali che hanno finito, in questi anni, per creare danni incalcolabili allo sviluppo dell’aeroporto di Palermo e di conseguenza sull’economia dell’intera Sicilia occidentale”. Nell’interrogazione Ferrandelli sottolinea come “parecchi lavori dell’aerostazione sono stati finanziati quasi tutti con fondi pubblici” e che il totale delle opere, fino ad ora avviate e programmate, ammonterebbe a circa 82 milioni di euro, “buona parte delle quali in fase di realizzazione ormai da parecchi anni e con incalcolabili ritardi nella consegna”.

(Ter/Col/Adnkronos)