Agricoltura: Ricci (Lazio), 'Terre ai giovani' e' scommessa per tutti noi
Agricoltura: Ricci (Lazio), 'Terre ai giovani' e' scommessa per tutti noi
Rosati (Arsial), primo bando dopo 45 anni sulle terre pubbliche in Italia

Roma, 10 feb. - (Adnkronos) – “E' una sperimentazione e una scommessa per tutti noi. Riteniamo fondamentale che il terreno agricolo del Lazio venga messo a disposizione per creare ricchezza a questa regione”. Lo ha detto l'assessore all’Agricoltura, Pesca e Caccia della Regione Lazio, Sonia Ricci, alla presentazione del progetto “Terre ai giovani”. “L'agroalimentare -ha proseguito la Ricci- un settore che nonostante la crisi continua a dare segno positivo, nel 2013 ha chiuso al +10%, ma non solo in termini di fatturato, anche per quanto concerne l’occupazione. E' un settore da guardare con attenzione. Quindi pi che mai in un momento di grave crisi occupazionale noi mettiamo a disposizione questi terreni per creare anche lavoro, e per dare speranza ai giovani".

"Siamo anche consapevoli -ha proseguito- che imprenditori agricoli non si nasce. E' un lavoro bello, in cui serve un duro lavoro. Abbiamo costruito le condizioni in grado di accompagnarlo sia dal punto di vista del credito che del tutoraggio. E' una sperimentazione, ne siamo consapevoli, ardua: noi siamo la prima Regione italiana che tenta la valorizzazione di un grandissimo patrimonio che quello agricolo”.

“Al netto di un bando fatto nel 2010 dalla Regione Sardegna, il primo bando dopo 45 anni sulle terre pubbliche in Italia. L'Arsial – ha spiegato Antonio Rosati, commissario straordinario Arsial - in questo modo ritorna alla sua nobile origine. Abbiamo voluto dare un segnale di speranza di fronte ad una crisi senza precedenti negli ultimi trent'anni. Non e' vero che l'austerit non pu essere accompagnata dallo sviluppo. Abbiamo preso terreni e messo risorse per 500mila euro in un fondo di garanzia a sostenere investimenti per un moltiplicatore di 8-10 milioni con dei tassi pi bassi visto che mettiamo a garanzia il patrimonio dell'ente. Vogliamo che si produca di pi e meglio”.

(Adf/Zn/Adnkronos)