Firenze: mori' a Forte Belvedere, la famiglia 'Veronica non responsabile'
Firenze: mori' a Forte Belvedere, la famiglia 'Veronica non responsabile'
''in appello si ristabilisca verita'''

Firenze, 11 feb. - (Adnkronos) - "Veronica non ha scelto di morire, non era imprudente e quindi non minimamente responsabile della sua morte. Ed bene che sia ben chiaro a tutti. Veronica stata uccisa da chi non ha messo in sicurezza il Forte Belvedere pur avendone la responsabilit, da chi ha tenuto aperto al pubblico e permesso l'utilizzo di un luogo pericoloso. Non si tenti di infangare la personalit di una ragazza che amava la vita, che non ha commesso nessuna imprudenza e mai avrebbe corso inutili e pericolosi rischi". Con queste parole Anna Maria Bettini e Massimiliano Locatelli, rispettivamente madre e fratello di Veronica, morta a Forte Belvedere, hanno deciso di commentare ''l'assurda sentenza del Tribunale di Firenze che assegna un inconcepibile 80% di responsabilit per la propria morte a Veronica e contestualmente solleva da ogni colpevolezza gli imputati''.

"Sull'evidenza delle responsabilit istituzionali non serve ripercorrere tre anni di udienze, basti ricordare l'accorata lettera con cui l'autorevole prof. Bonsanti definiva la morte di Luca Raso 'una morte annunciata' e quindi sollecitava il sindaco Leonardo Domenici a mettere in sicurezza i bastioni, addirittura con un disegno, affinch potesse essere ancor pi comprensibile", si legge in un comunicato diffuso dalla famiglia di Veronica.

''Basti ricordare come l'assessore alla cultura Gozzini in Consiglio Comunale, solo pochi giorni prima della morte di Veronica, dichiarava di 'navigare a vista' proprio sulla questione della messa in sicurezza del bastioni. Basti ricordare gli allarmi lanciati dalla madre di Luca. Basti ricordare - scrive la famiglia di Veronica - come in quello stesso baratro fossero caduti negli anni numerosi cani. Eppure Veronica morta dopo tutto questo. Con le istituzioni che a livello politico e amministrativo niente hanno fatto per mettere in sicurezza quel punto del Forte. Per q uesto non accettabile che si scarichino sulla vittima di un omicidio le gravissime responsabilit di chi ha permesso l’utilizzo di Forte Belvedere in quelle condizioni di totale insicurezza". (segue)

(Red/Ct/Adnkronos)