Giustizia: riorganizzazione ministero, domani incontro con sindacati
Giustizia: riorganizzazione ministero, domani incontro con sindacati
Uilpa, progetto destruttura il sistema

Roma, 11 feb. - (Adnkronos) - Le organizzazioni sindacali rappresentative del personale del ministero della Giustizia, polizia penitenziaria inclusa, sono state convocate somani alle 12 dal capo di Gabinetto del ministro in relazione a una bozza di riorganizzazione del ministero che prevede, tra l’ altro, l’abolizione di 6 sedi di dirigenza generale al Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Ne d notizia Eugenio Sarno, segretario generale della Uilpa Penitenziari.

Le sedi 'tagliate', in base a quanto si rileva dalla bozza, riferisce una nota, sono la Direzione generale del bilancio, che sar accorpata alla Direzione generale di beni e servizi; l’Istituto superiore di studi penitenziari, accorpato alla d.g. del personale; il provveditorato regionale dell’Umbria, che andrebbe ad accorparsi con quello del Lazio; il provveditorato regionale delle Marche, accorpato a quello dell’Abruzzo e Molise; il provveditorato regionale della Basilicata, accorpato a quello della Calabria; e del provveditorato regionale della Liguria che dovrebbe accorparsi a quello del Piemonte.

''Domani ci presenteremo a Via Arenula determinati a chiedere lumi su un progetto che non riorganizza ma destruttura un sistema, quello penitenziario, gi in forte difficolt - denuncia Sarno - Ci sembrava di aver capito dalla parole del premier Letta, del ministro Cancellieri e dalle sollecitazioni del presidente Napolitano che l’Amministrazione penitenziaria andasse accompagnata nello sforzo di raggiungere standard sostenibili di civilt, dignit e legalit in materia di detenzione e di lavoro penitenziario. Ci troviamo, invece, questa bozza di riorganizzazione del Ministero che amputa articolazioni vitali, quali sono i Provveditorati regionali''. (segue)

(Red/Col/Adnkronos)